02 ottobre 2007

Maaaaadoon…

“Maaaaadoon…Fighj mi, p’cè ta p’ghjt tutt stu fastidi?!”*. Appena mi vide, la signora Teresa proruppe con il suo tipico intercalare; come quello che hanno tutti gli anziani e che usano per enfatizzare i loro discorsi, e lo buttano lì, con la voce un’ottava più alta perché, come uno scoppio, riattiri l’attenzione su di loro, quell’attenzione che molto spesso scappa via, in chi li ascolta. Altre volte viene usato come un mantra, la musica di fondo di sofferti e strascicati passi. La signora Teresa era una vedova di circa ottant’anni che abitava di fronte casa nostra, nonostante l’età e per quello che poteva, curava da sola casa sua e se stessa; certo non riusciva più a fare tutto, incerta sulle gambe che, con l’età, si fanno più piccole e più deboli ma non si lasciava andare ed aveva ancora un cervello giovane e funzionante e due occhietti azzurri che si muovevano veloci. Ci faceva ridere, la signora Teresa, con quei suoi “maaaadoon…” che rappresentavano tutti i suoi acciacchi; ogni tanto andavamo a trovarla per chiederle se avesse bisogno di qualcosa e forse l’unico bisogno che aveva era avere qualcuno che glielo chiedesse. Era sola la signora Teresa, vedova di un marito forte e lavoratore che l’aveva lasciata con due figli che fingevano di essere troppo impegnati per ricordarsi di lei e lo facevano solo quando avevano bisogno di qualcosa. Ogni tanto si confidava la signora Teresa e raccontava di una figlia che, per fare i dieci chilometri per venirla a trovare aveva bisogno di “50 euro per la benzina”, la benzina per l’auto che lei le aveva comprato per potersi muovere da quella casa che lei le aveva comprato: una specie di prostituzione dei sentimenti. Raccontava, la signora Teresa, di quel figlio che ogni volta che la veniva a trovare, forse perché sbagliava strada pensavamo noi, cattivi; ogni volta le consigliava di vendere la casa, così magari le prendevano quel poco che le era rimasto, ma lei si rifiutava perché, diceva: “se vendono mi mettono in un ospizio e non si fanno più vedere mentre così, almeno, ogni tanto li vedo e vedo i miei nipoti”. Pensava ai suoi nipoti e quegli occhi piccoli e veloci diventavano acquosi, perché li vedeva solo quelle poche volte che la andavano a trovare, velocemente e malvolentieri. Per questo, noi, ogni tanto, bussavamo alla sua porta, le portavamo qualcosa, qualche pietanza particolare oppure un bel pezzo di torta e lei, tutte le volte, esclamava: “Maaaaadoon…Fighj mi, p’cè ta p’ghjt tutt stu fastidi?!”*

*"Maaaaadoonna...Figlio mio, perchè ti sei preso tutto questo fastidio?!"

61 commenti:

Cate ha detto...

E pensare che basterebbe così poco per rendere felice un anziano.
Anche solo una telefonata.
Domani chiamo la mia nonna bresciana.
Quelli di Bari non li ho più.
:-(

berso ha detto...

mi hai commosso. e non scherzo

kebrunella ha detto...

La vecchiaia....se ci si arriva, non si sa mai che cosa portera' con se' e quanta solitudine. E' triste che i figli si dimentichino dei propri genitori, la speranza e' di non fare la fine dei gentori dimenticati....e tantomeno dei figli che si dimenticano!Storia commovente! Ciao...

nonsisamai ha detto...

per fortuna lei da sola non sta mai, ma caspita dovrei chiamare la mia nonnina...il fatto e' che oramai e' quasi sorda e ci vorrebbero altro che 50 euro per passare a trovarla...

Dyo ha detto...

Immagino che oggi la signora Teresa non ci sia più. Sai, Baol, quegli occhi acquosi mi hanno fatto tornare in mente mia nonna. Colpita da due ictus e alla vigilia del terzo ed ultimo, se ne stava nella sua stanza a lavorare all'uncinetto. Quando rientravamo ci chiedeva (lo chiedeva soprattutto a me) di rimanere a parlare un po' con lei. Di solito mi fermavo, ma a volte, magari, le anteponevo, seppur per poco, un programma in tv o una telefonata con un'amica. Da lei ci passavo in ogni caso, eppure mi è rimasto dentro, negli anni, un senso di dispiacere per non aver fatto, magari, quello che avrei potuto fare meglio. Perchè, poi, loro se ne vanno, e allora non c'è più tempo davvero. Sai, penso con convinzione che tu sia stato, e sia ancora, "nu brav figghj".
Buona giornata, conterrone. ;-)

InTerysta ha detto...

Ma Baol, la signora Teresa è quella vecchina che abitava proprio difronte casa tua affianco alla Boutique in quel portoncino sotto la rampa di scale? Beh, se è quella e se la mia "Mugliera" ti legge, credo proprio che le farai scappare la lacrimuccia...hai commosso persino me, figurati tu!!!!

“Maaaaadoon…Fighj mi, p’cè ta p’ghjt tutt stu fastidi?!”.....sembra quasi di sentirla!

LA GURESSA ha detto...

siamo tutti piú bravi a parlare che a fare...

Baol ha detto...

@ cate: buona telefonata :)

@ berso: grazie :)

@ kebrunella: è la mia stessa speranza.

@ nonsisamai: beh, visto che tu stai in Texas, un po' scusata lo sei dai :)

@ dyo: la signora Teresa c'è ancora fortunatamente, io ho raccontato così la sua storia perchè non l'ho vissuta direttamente ma tramite i racconti dei suoi veri dirimpettai. Spero di essere communque nu b'rv fighj ;)

@ InTerysta: in realtà, la signora Teresa vive più vicino a casa tua che a casa mia ;)

@ la guressa: hai ragione, però la storia non è inventata, ci sono sul serio delle persone che, pur non essendo parenti alla signora, ogni tanto la vanno a trovare per non farla sentire sola. Io mia nonna ce l'ho vicino, vive nell'appartamento vicino al mio e beh, fortunatamente per me e la mia famiglia è una attivissima rompiballe (chiedere ad InTerysta per conferme) :)

La Francese ha detto...

...spesso ce ne accorgiamo troppo tardi del valore degli anni e di li ha già vissuti :-)

kabalino ha detto...

baol, ci pungoli nei sentimenti...che non si fa così però; io ho due nonne che a cercarle non si trovano...sono in forma splendida, e gli 80 li han passati entrambe...e sole non le lasciamo di certo.

Annachiara ha detto...

Io i nonni miei non l'ho mai conosciuti. Io spero di non diventare vecchia. Perché la vecchiaia è un'incognita. Ma bisogna educarli i nostri figli, al rispetto per i vecchi. Perché in quest'era di velocità la lenta vecchiaia non vuole significare più niente per nessuno....

Prescia ha detto...

io vivo con la mia nonnina da quando i miei si sono separati e hanno preso il largo, uno a roma e uno a milano....
pur avendo vissuto anni in una città diversa per motivi di studio/lavoro tornavo quasi ogni week end a casa per passarlo con lei ed ora che sto per trasferirmi la porterò con me senza sentire ragioni....
perchè?
perchè i suoi 5 e dico 5 figli...
sono di quelli che si presentano solo al momento del bisogno...
purtroppo è una realtà più diffusa di quanto non sembri...
e purtroppo dimenticarsi quello che i genitori hanno fatto (o nel mio caso NON fatto) quando diventano anziani e quasi scomodi
è fin troppo facile e fin troppo comune....
grande baol...
post bellissimo....mi sono commossa...ed è raro dato che sono sempre nervosissimaaa!!!

Mad Riot ha detto...

Gli anziani meritano più attenzione, invece spesso sono abbandonati a se stessi. Mia madre che lavora come assistente sociale mi racconta storie incredibili, di anziani disabili lasciati soli da figli che magari abitano nello stesso quartiere. Una vergogna.

patty ha detto...

che bel post...amaro, ma purtroppo vero..capita troppo spesso che gli anziani siano abbandonati a loro stessi, che ne i figli ne i nipoti li vadano + a trovare quando basterebbe anche solo una telefonata o un salto di 10 minuti x farli felici...io purtroppo ho mia nonna che sta sempre male, ed ora la sua salute è giunta ad un punto critico...ma io e mia madre abbiamo sempre fatto di tutto x non farla sentire sola,x aiutarla, anche andando là 2volte in una giornata..ed ora che proprio fisicamente la situazione è diventata ingestibile e si sta affacciando l'idea di metterla in un istituto xchè ha bisogno di assistenza 24 ore....ci piange il cuore e ci sentiamo infinitamente in colpa..pur sapendo che se continua così non c'è altra scelta...

La Guressa ha detto...

ma io ci credo Baol! Non intendevo dire che il tuo scritto non fosse vero, e tra l'altro é molto bello, era solo una riflessione, poiché anche a me a volte sembra di fare troppo poco..
baci!

Baol ha detto...

@ la francese: verissimo.

@ kabalino: anche perchè poi tu devi andare a prendere la piada dalla nonna ;)

@ annachiara: bisogna educarli al rispetto in sè, molto spesso invece è colpa di genitori maleducati se i figli sono maleducati.

@ Prescia: grazie per le cose che dici, non solo per i complimenti che mi fai :P Grazie per come sei, tua nonna è fortunanta :)

@ mad riot: tua madre fa una cosa molto importante, come è importante non dimenticare mai. (nel weekend sarò a Roma).

@ patty: sono decisioni veramente difficili da prendere ma se servono per riuscire a dare, a delle persone che ci hanno dato tanto, una vita un po' dignitosa allora vanno prese, tanto, sono sicuro che comunque non le farete mancare il vostro affetto.

@ la guressa: pensare di fare poco è meglio di non fare niente e pensare di aver fatto tanto :)
Baci

kabalino ha detto...

Baol devo scrivere una cosa a Prescia e ti occupo lo spazio,
solo che questa cosa che ha scritto la trovo bellissima...

senti, Prescia, per quella storia di una mamma per amica ti perdono...che con quello che hai scritto qui ti sei guadagnata un sacco di punti, che adesso sei proprio in altissimo nella mia considerazione...e hai talmente tanto credito che anche se non ti dovesse piacere Battiato fa lo stesso....dopo però basta, che non farsi piacere Battiato é già abbastanza. ;D

Suysan ha detto...

mentre leggevo mi hai fatto venire il magone.........io ho una mamma di ottantadue anni e sò che a volte basta poco per farla felice, mia mamma ti ringrazia anche solo per una telefonata eppure a volte mio fratello si dimentica di farla e solo perchè preso da una vita frenetica.........troppo spesso si dimentica quanto sono soli gli anziani

Inenarrabile ha detto...

La signora che descrivi mi ricorda una storia di una ventina d' anni fa. La donna era gi� sui novanta. Il figlio omosessuale era criticato da tutti, perch� ai tempi accettare qualcosa del genere era assurdo, il padre lo aveva cacciato di casa, ma lei lo cercava di continuo, gli portava qualunque cosa gli servisse e ne soffriva per quella situazione.
Adesso nessuno di loro � pi� in vita.
Per� mi fa riflettere il fatto che una madre per suo figlio darebbe la vita mentre il contrario � raro che succeda.

Nel tuo post d�i un punto di vista interessante, utile per chi non si mette mai "dall' altra parte della barricata".

Inenarrabile ha detto...

Bravo :)

daniela ha detto...

Che bel racconto.
Dovresti farlo leggere alla signora Teresa, si commuoverebbe. Ma forse è meglio di no, la verità fa male lo sai...
Mia nonna ha 95 anni ed è ormai prossima alla fine, le figlie le ha sempre avute vicine ma ciò non le ha impedito una vecchiaia difficile, sarà per questo che di fronte a certi argomenti sono particolarmente sensibile.
Bravo Baol promettente scrittore (ma non ancora "mantenente" :-))

Angie ha detto...

Bisognerebbe pensare con più assiduità alle pesone anziane..non solo perchè hanno esperienza da vendere e sono preziosi..ma perchè sono divertenti e imprevedibili come bambini!
Non tutti si intende..per esempio ne ho beccata una al Supermercato.. :-D...
:-)

bdp ha detto...

che tristezza..mi si stringe il cuore a pensare che esistono delle persone così fredde e insensibili, che non trovano nemmeno 5 minuti del loro stupido tempo per andare a trovare la madre anziana o, peggio ancora, che la vanno a trovare e si fanno dare i soldi spesi per la benzina.. come se la visita alla mamma fosse un dovere da compiere il più in fretta possibile, un peso da togliersi per avere la coscienza a posto, e non un piacere come invece dovrebbe essere. E pensare che ci sono tante persone che hanno perso i genitori e farebbero di tutto per poterli riavere accanto..certa gente dovrebbe veramente vergognarsi di esistere.

ps: grazie per questo post..è molto bello e commovente..

InTerysta ha detto...

ok io credevo si trattasse della signora che abitava difronte casa tua e mo invece si scopre che abita vicino a casa mia?!?! e c'nà?....

Per quanto riguarda la nonna italo-cinese di baol, soprannominata j mo m'ammong, posso confermare a pieno che , come dire....è abbastanza presente, và, mettiamola così :-P

Baol ha detto...

@ kabalino: vai kaba, fai come se fossi nel tuo blog ;)

@ suysan: hai ragione, spero che il magone sia sparito :)

@ inenarrabile: da noi si dice che una mamma riesce a crescere 100 figli ma 100 figli non riescono a crescere una mamma. Grazie per i complimenti.

@ daniela: però tua nonna ha avuto voi vicino :) grazie per il promettente, spero un giorno di mantenere :D

@ angie: magari quella del supermercato era mia nonna O_o

@ bdp: quando mi raccontano di quella signora mi si stringe il cuore e vorrei tanto fare una "chiacchierata" con i figli.

@ InTerysta: Hehehehe...quando ci becchiamo su msn te lo spiego. Quanto a mia nonna...magari ci faccio un post una volta, del tipo "mia nonna è una ninja silenziosa" ;)

Inenarrabile ha detto...

Ora che mi ci fai pensare mi sa che si dice pure da noi.


mmmmmmmmmmmmmm (tra poco sentirai un urlo fin là: tappati le orecchie)

barbara ha detto...

...un poco di magone....

mitile ha detto...

W la signora Teresa!
Da noi oltre a Maaaadoooon, si dice Mamma mè du' prim' ! ;)

MARGY ha detto...

mi sono commossa ci credi?...
per come amo e rispetto gli anziani, queste storie mi colpiscono straziano!...

...grazie per questo post: ogni tanto è giusto far notare la sensibilità e la dolcezza degli anziani e la crudeltà di molti figli...


e ancora grazie per essere passato dal mio blog!

Dyo ha detto...

Buona nott, figghj bell.

A&D ha detto...

Ciao
Io son creciuta con gli anziani, non sto qui ad enumerarteli ti basti sapere che tutt'oggi la prima copsa che faccio è dopo il mio caffè e la mia sigaretta è portare il caffè al letto alla mia zia Gio di 93 anni e l'adoro, le do il bacino del buon giorno e vado al lavoro, si insomma ci provo a lavorare ahahaha!!!!
Va bhe lasciando perde gli scherzi, gli anziani sono la nostra anima, il nostro vissuto, sono la nostra spina dorsale e senza di loro non ci saremmo, peccato perderli!
Peccato non riuscire a capirli e a capire ciò che ci possono ancora dare
Va bhe un bacio e buona giornata
Anna

aldievel ha detto...

Questo post fa commuovere...
:(

Duss ha detto...

una figlia che, per fare i dieci chilometri per venirla a trovare aveva bisogno di “50 euro per la benzina”, la benzina per l’auto che lei le aveva comprato per potersi muovere da quella casa che lei le aveva comprato: una specie di prostituzione dei sentimenti ...che tristezza, se pensi che non è l'unica che subisce questo tipo di ricatto! :(

Viva la Signora Teresa e il suo fantastico Intercalare! :D

Baol ha detto...

@ inenarrabile: Dai sù, non fare così :)

@ barbara: spero sia un magone buono (tipo un magone baol)

@ mitile: da noi, mamma mè du Carm'n

@ margy: grazie a te di essere passata di qui :)

@ dyo: buon giorno fighja bell ;)

@ a&d: i complimenti vanno a te per tutto quello che fai :)

@ aldievel: con i prossimi spero allora di far tornare il sorriso (se sapessi cosa scrivere O_o)

@ duss: vero :(

La Guressa ha detto...

oh! Hanno mangiato la Luisona...

Baol ha detto...

@ la guressa: ma tanto il pralinato in alluminio la farà uscire uguale uguale a prima ;)

La Guressona ha detto...

HHAAAAAHHHHAAAAAAAA!!!!! :-)

Mimmo ha detto...

Che magnifico post...complimentoni.
Riesci a descrivere molto bene un disagio che purtroppo è molto frequente.
E basterebbe davvero poco per combatterlo.

Elle ha detto...

Ciao, rieccomi qui fra voi.
Molto tenero e veritiero questo post. Purtroppo gli anziani per molti sono un peso (anche per gli stessi figli come dici tu qui). Ma quanta esperienza hanno e sanno trasmettere. Dovremo imparare e soprattutto ascoltare il loro vissuto.
Un abbraccio

PIDEYE ha detto...

Al momento mi ritrovo con una nonna alteriosclerotica in provincia di napoli. Proprio oggi ha chiamato dieci volte a casa mia per fare gli auguri a mio padre che oggi fa l'onomastico. Per dieci volte di fila ho risposto alla mia nonna urlando (perchè è sorda) che papà non c'è che lavora e che lo trovava più tardi. Stasera ha chiamato mio padre è l'ha cazziato perhcè non era a casa;) Sorridiamo quando pensiamo alle sue follie..ogni tanto ci disperiamo..ma le stiamo molto vicino...ed è questo quel che conta. MIo padre è sempre li appena può e anche noi . Però mi rendo conto che talvolta non è facile. Quando hai descritto la tua signora ho pensato alla mia nonna napoletana ;)

Luna ha detto...

ma vuoi farmi piangere?
oggi ho intervistato Beniamino, un signore che oggi compiva 100 anni. quando sono arrivata da lui mi ha abbracciata perchè mi ha scambiata per una sua pronipote. però lui è fortunato. non è solo mai. i suoi sei figli con nipoti e pronipoti abitano tutti lì attorno a casa sua. mi ha dato sicurezza la vista di quella famiglia così grande e unita.

giraffa.c ha detto...

Bello e triste, il tuo racconto..quando frequentavo l'università, mi capitava spesso di chiacchierare con alcuni signori ospiti di un ricovero, ospizio, attaccato alla mia facoltà, più che altro, prestavo il mio orecchio ai loro ricordi (prestare l'orecchio è la cosa che mi riesce meglio, visto che non parlo molto di me!) e loro si accontentavano di quello, avevano soltanto bisogno di comunicare con qualcuno che non fosse il proprio cervello. Per fortuna, erano circondati da gioventù paziente e ben disposta, credo che, per molti di loro, sia stata una salvezza. Maaadoooon, che commento lungo!!

Anja ha detto...

(...)

Killo ha detto...

Ciao...interessante il tuo blog...Mi piace...Ho creato una classifica per offrire gratuitamente, ai Blog interessanti che scovo in rete, maggiore visibilità e più visite...

Scopri come fare sul mio blog...

killo-bau.blogspot.com

Iscriviti...E' gratuito...


P.S.: Se per caso ti piace il mio blog e vuoi linkarmi, dimmi che farò altrettanto

frapre ha detto...

bella penna e buoni sentimenti, complimenti!

frapre

Dyo ha detto...

Spider pork, spider pork...

La Guressa ha detto...

Buongiorno Baol! :-)

tenebrone ha detto...

prima di avventurarsi sulla dolcezza degli anziani aspetto j mo m'ammong... scherzi a parte, però 50€ per andare a trovare la propria mamma e che schifo...dopo questo post riprometto di chiamare più spesso a casa quando sono fuori :-), ed un pensiero va pure alla signora sempre vicino casa tua che aspetta che qualche passante le apre la bottiglietta d'acqua che da sola non ce la fa.

lucia ha detto...

...e quante ce ne sono di "Signora Teresa". Abbracciala da parte mia.
E un abbraccio anche a te.
Tenero il racconto...

Viola ha detto...

M'è venuta voglia di chiamare mia nonna.....

LA CONIGLIA ha detto...

il tuo post mi è piaciuto davvero tanto...mi ha proprio toccato il cuore...povera vecchietta..La cosa triste è che uno quando fa i figli non si immagina la sua vita così...

LA CONIGLIA ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
tenebrone ha detto...

bhe e poi andando per proverbi dalle nostre parti si usa dire
crisc feil pasc pu'erc

Cilions ha detto...

Che ricchezza avere i nonni!!! io praticamente non li ho mai avuti, data la distanza Vercelli - Reggio Calabria... ma conservo dei bellissimi ricordi...

Dani ha detto...

bel post...vero crudo amaro come solo la vita vera sa essere...
un orfano bianco....

PIDEYE ha detto...

Hey che fine hai ftto mimmuzzo??? Non mi fare preoccupare. UN saluto

Celia ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Baol ha detto...

@ la guressona: BUONGIORNO!

@ mimmo: grazie, hai ragione :)

@ elle: bentornata!

@ pideye: quindi hai anche i parenti nel continente...che bello! Ero fuori, ero a Roma, per questo latitavo ;)

@ luna: no, volevo solo farti tornare qui :)

@ giraffa: maaaaadoon...che bel commento :D

@ anja: commentato sul tuo blog ;)

@ killo: ciao e grazie ;)

@ frapre: grazie di essere passato...spero che tu abbia dato un'occhiata anche al resto ;)

@ tenebrone: jmomammongh arriverà ;)

@ lucia: grazie, ricambio l'abbraccio.

@ viola: fallo violetta :)

@ la coniglia: grazie :)

@ cilions: la distanza è un gran peso, mi dispiace :)

@ dani: grazie per la visita e grazie per i complimenti :)

spiderfedix ha detto...

nonnina deliziosa...che simpatici figli che si deve sopportare..porella..

Sole d'autunno ha detto...

La mia "signora Teresa" si chiama Gina, il suo intercalare è in dialetto veronese... ma per il resto... sembra proprio la tua..
Un sorriso,
Sole

Baol ha detto...

@ spiderfedix: proprio vero

@ sole d'autunno: grazie per il sorriso, ricambio.