02 marzo 2011

400 parole

Ieri ha piovuto. Tanto. I tergicristalli spostavano secchiate d'acqua ad ogni colpo di spazzola e non facevano nemmeno in tempo a tornare indietro che dovevano spostarne ancora. Ho ripensato che avevo un ombrello, nella preistoria dell'adolescenza. Anche adesso ho un ombrello, anche più di uno ma sono ombrelli comunitari, di tutta la famiglia; nella preistoria dell'adolescenza avevo un ombrello tutto mio, era l'ombrello di mio nonno ed era mio; l'ho voluto quando mio nonno non c'è più stato, e l'ho avuto. Questo ombrello, nero, con il manico di pelle, nera, e la punta in metallo, era grande, da riparare due persone meno due spalle, ma a me non importava perché ero uno e quindi mi riparavo tutto per bene; i vantaggi dell'essere uno. A volte ospitavo sotto l'ombrello qualche amico ma erano passaggi saltuari, la maggior parte delle volte ero uno e mi salvavo dalla pioggia. Se non pioveva ma minacciava di farlo, con nuvole tutte grigie e compatte, portavo il mio ombrello con me e lo usavo a mo di bastone oppure, con la punta di metallo, schiacciavo con estrema precisione le ghiande cadute dagli alberi del viale. Nella preistoria dell'adolescenza, come diceva De Andrè, “mi innamoravo di tutto”, e andavo anche alle feste, anche quelle in maschera, quelle del carnevale; un anno mi sono vestito come Rosario Chiarchiaro, il protagonista de “La patente” di Pirandello, come lo fa Totò in una delle sue interpretazioni. Tutto fatto per bene: l'abito nero, il panciotto nero, la camicia bianca e la cravatta nera con il nodo piccolo, un po' storto ed allargato, i calzini neri e le scarpe nere di suola, i guanti neri, l'occhiale nero dalle lenti piccole e tonde e la bombetta nera, i baffetti neri, rasati con cura dopo averli fatti crescere, in previsione, e poi, come tocco finale, il mio ombrello nero con il manico di pelle, nera. Perfetto. Un giorno ho prestato l'ombrello a mio fratello, doveva andare a fare un servizio con la macchina; quando ho ripreso l'ombrello dalla macchina non era lo stesso, si era confuso, era un semplice ombrello nero con il manico di legno marrone. Credo che si sia rotto quasi subito, forse sentendosi non amato, ed io da allora non ho più un ombrello mio, a volte uso il primo che trovo, a volte preferisco bagnarmi la testa.

Quattrocento parole per il mio post numero quattrocento (comprese queste qui)

56 commenti:

Maraptica ha detto...

...e 400 e più applausi per un Baol sempre più bravo! ;***

Felipegonzales ha detto...

Forse quell'oggetto era un modo di sentire più vicino tuo nonno.

Absinto ha detto...

Ma comprese anche "Comprese queste qui"?

Complimenti!

2 laghi ha detto...

400? sei stato un grande
Io l'ombrello non lo uso! Preferisco bagnarmi la testa :D

Ernest ha detto...

400 complimenti che sono pochi però!!!

Grace (ma gnappetta della Val Gina) ha detto...

"Era l'ombrello di mio nonno ed era mio"..
A me sarebbero bastate anche solo queste 9 parole a farmi commuovere.
Grande, Baol..mi unisco a Marella nei 400 e più applausi per te e la tua bravura :)

zefirina ha detto...

sei un mito

bussola ha detto...

e 400 emozioni che questo post trasmette...

complimenti

Pupottina ha detto...

bella idea quelle delle 400 parole per il 400esimo post!!!

ieri ha piovuto tutto il giorno anche da me ... ed erano più di 400 gocce. O_O

per fortuna oggi c'è il sole!!!

^__________^

Calzino ha detto...

Bravo e virtuoso!

regulus21 ha detto...

Quanto mi piace quando scrivi, in questo stile apparentemente concitato, cose calmissime.

400 "BRAVO!" detti a gran voce!

Lisa ha detto...

bello davvero :) ti si legge davvero senza fatica :)

Eleonora ha detto...

che brutta cosa perdere gli ombrelli, specialmente se lo fanno gli altri...

AndreA ha detto...

[O.T.] Amico mio, a fine mese sarò a Milano ... se riesci a volare da quelle parti, ci si vede!! :DD
Ciaooooooo ;)

Alligatore ha detto...

400 colpi con l'ombrello nero per festeggiare questo racconto. Leggendo le prime righe ho pensato a Pirandello, poi pure la citazione de "La Patente" ...

chit ha detto...

Purtroppo in questo periodo la blogosfera la leggo a spizzichi e bocconi. E' la terza o quarta volta che passo e forse ti sembrerà esagerato ma mi vien voglia di dirti 400 volte (tanto per non mancare il doveroso riferimento) che scrivi proprio bene. Hai talento, sul serio complimenti sinceri... e logicamente auguri!?! :-D

... daisy... ha detto...

questo post l'ho letto con in sottofondo questa canzone... http://www.youtube.com/watch?v=ojbVL7qt3o0
fai te...
bello.

TuristadiMestiere ha detto...

di mio nonno ho conservato gli occhiali che usava per la settimana enigmistica. Erano tutti graffiati ma mi bastava guardarli per rivedere lui, chino sulle parole crociate. E' un vero peccato che il SUO ombrello, il TUO ombrello, sia stato scambiato con un altro ombrello nero (lo credo che si sia rotto subito...) 400 applausi a scena aperta per come scrivi.

Caty ha detto...

:-) bella idea e tra le righe tante cose vere....come si dice?buon 400centesimo?

vitty ha detto...

400 volte bravo,Baol! E ode all'ombrello di tuo nonno per averti ispirato questo post!

Gio ha detto...

Eccellente, come sempre!

Cordialità collega!

Gio

Zion ha detto...

tu ne hai messe 400, io sono rimasta senza. Che talento che hai.

JANAS ha detto...

certi ombrelli sono giustamente permalosi...:))))ma non credo si sia rotto, chissà forse vive di altre vite..di altre piogge e venti...

comunque io con gli ombrelli ho sempre avuto un rapporto conflittuale...cosi preferisco capelli bagnati..e vestiti fradici, ad una lotta armata di ombrello contro le sfide del tempo!

Baol ha detto...

@ Maraptica: Mi metto comodo e me li godo tutti questi tuoi applausi, con il sorriso compiaciuto in faccio :*

@ Felipegonzales: Penso di sì, mi piaceva questo collegamento di memoria...

@ Absinto: Sì sì, comprese quelle lì :)

@ 2 laghi: Grazie! Anche io lo uso pochissimo, infatti ho un sacco di giubotti con cappuccio (se piove troppo forte non è che ci si può bagnare la testa...)

@ Ernest: 400 volte grazie a te!

@ Grace: Grazie assai maestra!

Baol ha detto...

@ zefirina: Grazie

@ bussola: Grazie davvero tanto!

@ Pupottina: Qui non erano gocce ma un blocco unico di acqua, quasi...

@ Calzino: Addirittura virtuoso? Grazie!

@ regulus21: 400 volte grazie anche a te!

@ Lisa: Grazie :)

Baol ha detto...

@ Eleonora: L'ombrello è un classico degli smarrimenti!

@ AndreA: Amico mio! Non credo di avere da salire a Milano ma nel caso ti avviso, naturalmente!

@ Alligatore: Vabbè, basta che i 400 colpi non me li dai sulla schiena :D

@ chit: Tranquillo, la blogosfera è un posto così pieno che a volte ci si perde! Bentrovato da queste parti, qui è sempre aperto e grazie assai per i complimenti e per gli auguri!!!

@ ...daisy...: Bella canzone...ma un po' triste però :/

@ TuristadiMestiere: Come ho detto, probabilmente quell'ombrello non si è sentito amato e si è rotto. Grazie per i complimenti!

Baol ha detto...

@ Caty: Va benissimo! Grazie!!

@ vitty: Tutto un insieme di cose, voglia di scrivere qualcosa, l'ombrello che non c'è più, la pioggia...
Grazie per i complimenti!

@ Gio: La ringrazio tanto collega EuGIOnio! :)

@ Zion: Beh, lasciare senza parole, addirittura? Di solito non mi piace togliere le parole alle persone ma in questo caso è una cosa bella, grazie!

@ JANAS: Dici che si è offeso e se n'è andato? Può essere...
Anche io ormai preferisco prendere la pioggia...il poeta diceva: C'è chi aspetta la pioggia per non piangere da solo...

Charlie68g ha detto...

Non ho ancora ben capito se si un appassionato di scrittura o di numerologia.
Però mi piace !!!!

Mrs Quentin Tarantella ha detto...

Caro Baol io "mi innamoro di tutto" anche se l'adolescenza l'ho passata da una ventina d'anni abbondante...
Ci sono, capo! Cincin ai tuoi 400!
MrsQT (ti soffia i suoi auguri)

Adriana ha detto...

400 volte felice di aver scoperto il tuo blog qualche giorno fa!

Suysan ha detto...

Se questo è il tuo post numero 400 sarà almeno la quattrocentesima volta che ti dico che sei bravissimo!!!!

Baol ha detto...

@ Charlie68g: Un appassionato di scrittura che dà spesso i numeri :)

@ MrsQT: Mica ho affermato di aver smesso, da allora, infatti :)

@ Adriana: Grazie :)

@ Suysan: Grazie tante anche a te :)

LaFrancy ha detto...

Tua lettrice da poco, ma ogni volta sempre più contenta di esserlo.
Tu ed il tuo ombrello mi avete riportata indietro di quasi 30 anni, a quando giocavo con mio nonno. Grazie per questo.

Stefania248 ha detto...

Non le ho contate, ma mi fido! Bravo.
;)

Baol ha detto...

@ LaFrancy: Grazie a te per i complimenti.

@ Stefania248: Beh, la funzione "conteggio parole" di OpenOffice aiuta abbastanza :)

elena ha detto...

eh be'... che dire?
appena ho iniziato a leggere mi è venuto in mente che anche io avevo un ombrello.... tuto mio! quelli trasparenti che ti infilavi dentro fino alla vita... con un pallino giallo.... ricordi...

Adriano Maini ha detto...

Mi fai venire in mente quanti ombrelli ho perso da adulto e come, da bambino, mi piacesse sguazzare sotto l'acqua e nell'acqua con mantellina e stivali. Ma, una volta di più, devo ammettere che, a diversità da te, non so esprimere questi ricordi, tanto meno in modo egregio come te.

fabio r. ha detto...

sei proprio commercialista/contabile dentro eh bro...?!
400 auguri!

Dual ha detto...

Buona domenica con un sorriso
Gio'

http://remenberphoto.blogspot.com/

Baol ha detto...

@ elena: Hehehehehe, sì, ho presente il tipo di ombrello :)

@ Adriano Maini: Beh, anche le tue capacità di esprimere ricordi ed emozioni sono elevate :)

@ fabio: Me la dicono troppe volte 'sta cosa bro :/

@ Dual: Buon inizio di settimana a te!

Lady Cocca ha detto...

Per il tuo quattrocentesimo post di quattrocento parole, quattrocento volte complimenti.. ;)

Luigi N. ha detto...

Veramente notevole, non c'è che dire... complimenti :D

Vittoria A. ha detto...

Per me gli oggetti si affezionano a una persona, a modo loro forse hanno un'anima :)

Baol ha detto...

@ Lady Cocca: 400 volte grazie allora :)

@ Luigi N.: Grazie assai ;)

@ Vittoria A.: Io vado oltre, secondo me ci sono oggetti a cui sto molto antipatico :D

nico ha detto...

Spettacolare! Una conclusione matematica (grazie per l'omaggio eheheh) degna di un commericalista! Mi hai risvegliato diversi ricordi, di mio nonno, di Faber, e anche letterari...Rosario Chiarchiaro è uno dei personaggi che più ho amato in passato, compresa la grande interpretazione che ne fa Totò!
Bravo Baol, continua così :)

nico ha detto...

Ti scrivo un secondo commento, così ti aiuto a raggiungere i 400 :-)))))

Cristiana ha detto...

Bello, bello

ivy phoenix ha detto...

ahhhhh la adoro la patente di pirandello come la fa totò!!!!!!!!!!!

Baol ha detto...

@ nico: Beh, devo dire che, commercialista o meno, il "contatore parole" di open office ha aiutato molto...comunque grazie per tutto, anche per il commento supplementare per farmi arrivare ai 400 commenti :D

@ Cristina: Grazie :)

@ ivy phoenix: Anche io :D

Gata da Plar - Mony ha detto...

io avrei pianto per l'ombrello perduto e picchiato di brutto il fratello! grrrrrrrrrr

racconto bellissimo Baol, sono ripetitiva lo so, ma non posso farci niente... mi piace come scrivi e mi piacerà sempre!!!

desaparecida ha detto...

.

Stefania248 ha detto...

Cinquantadue...

Baol ha detto...

@ Gata: Lasciamo stare va...meglio se non ci penso :(

@ desaparecida: Mancava un punto?

@ Stefania248: Con questo, cinquantatre... :)

desaparecida ha detto...

MI sono permessa questa libertà.

contessa miseria ha detto...

E' semplice e rigenerante leggerti come bere un sorso d'acqua...quando leggo ciò che scrivi mi sento " a casa "...e questo cosa mi piace...ciaooo :^)

Baol ha detto...

@ desaparecida: Hai fatto molto bene :)

@ contessa miseria: Beh, grazie per queste parole, fa molto piacere sapere che la lettura di quanto scritto faccia questo effetto.
Ciao a te! :)