18 aprile 2016

Considerando

Si dice che le somme si tirano a bocce ferme, quando hai metabolizzato i pro ed i contro, quando ormai non ti rode più nulla; quindi io non dovrei parlare affatto, adesso, dei miei 40 anni compiuti oggi, di quanto mi senta stanco, di quanto non mi senta soddisfatto che di pochissime cose. No, non dovrei affatto dirlo perché verrebbe scambiata come una roba tipo "crisi di mezza età", e magari lo è, una crisi di mezza età, quando ti rendi conto che hai passato 40 anni e non senti di aver afferrato ancora quel cazzo di senso che dovresti, invece, tenere stretto da un bel po'. Forse è una fase di down, un "cambio di stagione", questo non vedere quello che molti dicono, che "il momento è questo", che ormai l'uomo a 40 è nel pieno, nel massimo della sua forza mentale; io non me la ritrovo mica questa forza mentale, è come se i remi della barca mi abbiano fatto i calli alle mani senza però farmi muovere che di pochi metri. Forse sono le acque limacciose, forse non sono portato per vogare, non lo so; non che non me lo chieda, anzi, mi chiedo spesso in che momento sto, mi chiedo che cosa sto vivendo. Mi ritrovo a contare i passi che mi hanno fatto arrivare qui, a questa scrivania, e non riesco a considerarli tutti giusti, no, assolutamente no e nonostante tutti gli sforzi, nonostante le energie che ho speso, me ne ritrovo sempre meno, sempre meno voglia, sempre meno spinta. No, non lo so se "il momento è questo", vedo solo che recrimino ogni giorno le cose che desideravo e non ho avuto la forza di andarmi a prendere, sempre troppo meticoloso nel soddisfare necessità altrui; vedo sempre meno tempo, sempre meno possibilità ma, soprattutto, sento sempre più "tanto ormai..." scorrere dentro di me. Non si fanno le considerazioni a sangue amaro, non si tirano le somme con la stanchezza addosso ma credo che festeggerò questi 40 anni andando a letto presto.

24 commenti:

Coffee Girl ha detto...

Sei troppo giovane per una crisi di mezza età, ne riparliamo nel 2026 magari!
In ogni caso, nonostante tutti i tuoi pensieri, auguri di cuore.
:*

amanda ha detto...

Oh intanto auguri, se non altro di guardare indietro e avanti con più indulgenza nei tuoi confronti. Vedere sempre meno tempo a 40 è una sciocchezza concedimi di dirlo, quanto meno per misericordia, visto che ho tredici anni più di te, le possibilità invece sono quelle che ti vorrai e saprai concedere

Cristina ha detto...

Credo che le somme si facciano ad ogni età.
Per esempio, questo post, potrei averlo scritto io che di anni ne ho qualcuno meno. La verità è che non siamo mai soddisfatti; il che può essere un bene ma anche un male. Ci dimentichiamo che la vita è questa e che non possiamo realizzare tutto quello vogliamo. Ma provarci, sì, sempre. Non raggiungeremo quello a cui speravamo ma acquisteremo sicuramente dell'altro.
Buon compleanno Baol e se stasera sei andato a letto presto, domani festeggia :-*

Francesco ha detto...

vedrai a cinquanta....

Pippa ha detto...

Auguroni carissimo Baol.
Che i bilanci del prossimo compleanno siano più sereni

Rabb-it ha detto...

Auguri.

E manco sono in ritardo... le 36 ore di festeggiamenti per via del fuso orario non sono mica ancora finite, vero?

:-P

(Per esempio ad Honolulu sono soltanto le undici e un quarto del 18, circa!)


Ok.



Rabb-it ha detto...

Perché dico 36 che sarebbero di più?
Per lasciare qualche ora di sonno in due giorni. ;-)

Davide Storti ha detto...

Auguri Baol! E' colpa della primavera lascia stà. Sta stagione un giorno ti tiene a mille e l'altro sotto le scarpe.

CervelloBacato

dtdc ha detto...

Auguri caro!!
Ti abbraccio, ciao!

Granduca di Moletania ha detto...

Festeggiare andando a letto presto? Dipende con chi.

40 anni sono ancora pochi per la crisi di mezza età; vabbè che magari tu sei precoce in tutto, ma aspetta di arrivare a 50 come il sottoscritto e poi vedrai. Va là che sei ancora un bibino.
Comunque anche a me questa scrivania pesa come se me la stessi portando a cavaceci in giro per l'ufficio e la spinta iniziale della professione, con il tempo, tende a scemare.

A me è successa la stessa cosa circa 8 anni fa ed è stato allora che ho deciso di diventare Granduca; per me è uno sfogo, un passatempo. Sono Granduca, son muratore, geometra e ingegnere, giardiniere, falegname, uomo di fatica e tante altre cose: di tutto questo non so fare 'na mazza, ma proprio per questo posso permettermi di far tutto.
Tanto peggio di come era prima, la Moletania non potrà diventare.

Quindi il mio consiglio è:
1) trovati un passatempo appassionante, che occupi una parte del tuo cervello, altrimenti diventiamo matti in 4 e 4 8;
2) se vai a letto presto, fai in modo che almeno ci sia un buon motivo per farlo.

E buon compleanno anche da parte mia.

Viviana B. ha detto...

I 40 sono una brutta bestia. Ci sono passata anch'io, stando però zitta zitta su blog e social, qualche mese or sono e, proprio come te, il pensiero che forse stessi attraversando una crisi di mezza età, l'idea, da te espressa egregiamente, che fosse "come se i remi della barca mi avessero fatto i calli alle mani senza però farmi muovere che di pochi metri". Perché di quella maturità, di quella completezza consapevole raggiunta con quello 0 netto, nemmeno l'ombra.
Poi passa.
Capita qualcosa - a me è successo - che di colpo ti fa realizzare che, in effetti, di strada ne hai fatta eccome e sei un'essere umano più forte e consapevole, se non migliore, di quanto sospettassi.
Come già twittai: tanti auguri di buon compleanno!

fracatz ha detto...

non rammaricarti, ancora ce n'hai de tempo per poter lasciare un segno di te su questa palla de merda e poi, se non altro hai avuto il merito de risvejacce er granduca di cui tutti da rigazzi fummo estimatori e che notiamo con piacere in ottima forma.
Auguri in anticipo per i 41

Carolina G. ha detto...

Io la crisi di mezza età la sto avendo adesso e sono solo 33. Si accettano consigli.

Alberto ha detto...

Intanto auguri. Ma dopo aver ponderato pensi di cambiare qualcosa della tua vita?

Ernest ha detto...

allora auguri e se ci vediamo ti tirerò le orecchie... e poi lascia andare tutto ora e immergiti nel pesto e nella focaccia, a volte funziona :-)

E. ha detto...

Non sei la somma di due ventenni realizzati, comunque.
:)

franco battaglia ha detto...

Auguri in ritardo... e ti auguro anche di non stringerlo mai "il senso della vita"... quando accadrà sarai... morto.

Lisa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lisa ha detto...

A nascere son buoni tutti! Persino io sono nato!
Ma poi bisogna divenire! Divenire! Crescere, aumentare, svilupparsi, ingrossare (senza gonfiare), accettare i mutamenti (ma non le mutazioni), maturare (senza avvizzire), evolvere (e valutare), progredire (senza rimbambire), durare (senza vegetare), invecchiare (senza troppo ringiovanire), e morire senza protestare, per finire... Un programma enorme, una vigilanza continua... Perché a ogni età l'età si ribella contro l'età, sai! E se fosse solo questione di età... Ma c'è anche il contesto!

"Signor Malaussène" - Daniel Pennac



E mentre i giorni passano dicendoti "tanto ormai" ...ne trascorrono ancora altri che stai gettando nello stesso fossato di quelli precedenti!

Federica ha detto...

a me compiere i 30 ha fatto lo stesso effetto, e anche i 20 e 18 (son sempre stata vecchia dentro ed ansiosa!)... secondo me è ansia da numero tondo!

e quindi auguri ^________^

elle ha detto...

auguri...sia pur in ritardo.
E coraggio.E' solo stanchezza.
I 40 anni è un età meravigliosa. :)

Simona Carini ha detto...

Fai un progetto, piccolo magari, ma tutto tuo e realizzalo. Credo sia il miglior antidoto (e non solo per crisi legate all'eta').
Auguri (con tanto ritardo, lo so)

Jeannette E. Spaghetti ha detto...

Happy Belated Birthday! xo

Baol ha detto...

@ Tutti: Grazie amici, vi voglio bene!